LA SECONDA RATA DELL’IMU DA PAGARE

Il rischio è concreto: con la manovra di correzione e la legge di stabilità si rischia di mantenere l’Iva al 22% e di pagare anche la seconda rata dell’Imu da pagare. Spiega stamattina il Corriere:

In altre parole, il miliardo e 600 milioni di correzione dei conti pubblici (tagli di spesa e entrate da dismissioni immobiliari) è sufficiente a riportare il deficit dal 3,1% al 3% solo se entro il 31 dicembre prossimo entreranno nelle casse dello Stato altri 2,4 miliardi di euro, tanto quanto vale il saldo Imu. Se quest’ultimo verrà abolito, come promesso dal governo, bisognerà compensare questa minore entrata con altre misure. E questo complica non poco il lavoro del presidente del Consiglio Enrico Letta e del ministro dell’Economia, Maurizio Saccomanni che, tra l’altro, da oggi fino a lunedì è impegnato all’estero, prima con l’assemblea del Fondo monetario internazionale e poi con le riunioni dell’Eurogruppo e dell’Ecofin, per tornare poi a Roma martedì, quando si riunirà il Consiglio dei ministri che deve approvare la legge di Stabilità 2014-2016.

Perché mancano ancora dei soldi per perseguire l’obiettivo:

Con la manovrina di ieri, insomma, non si può considerare chiuso il capitolo delle pendenze 2013 né conseguito l’obiettivo del deficit al 3%, necessario all’Italia per uscire dalla procedura europea di disavanzo eccessivo e guadagnare un prezioso margine di manovra sui conti del prossimo biennio. Quando qualche settimana fa il governo ha licenziato la nota di aggiornamento del Def, il Documento di economia e finanza, ha infatti calcolato il deficit 2013 al 3,1% in termini tendenziali, cioè secondo la legislazione vigente che prevedeva sia l’aumento dell’Iva dal 21 al 22% a partire dal primo ottobre sia il pagamento del saldo Imu sulla prima casa il 16 dicembre, perché la sua abolizione è al momento solo un impegno politico.

prima casa seconda casa tasse

A questo punto manca poco:

L’incremento dell’Iva c’è stato ma l’Imu, appunto, dovrebbe saltare, secondo la promessa che Letta ha fatto al Pdl. Il rischio è che quegli aumenti delle accise sui carburanti evitati ieri rispuntino quando bisognerà cancellare definitivamente l’Imu sulla prima casa.

Fonte: giornalettismo.com


Category : Blog

Chi siamo

La “BERTOLATTI Real Estate srl ” è una società specializzata nella costruzione, nella ricerca e sviluppo di opportunità di investimento e nella vendita di proprie operazioni immobiliari. Un Advisor immobiliare, a supporto dei clienti, per una consulenza strategica atta a sviluppare e massimizzare ogni processo immobiliare.

La nostra filosofia è quella di porsi come partner di chi investe in Real Estate, valutare insieme opportunità e rischi del mercato per aiutare a fare la scelta migliore. Sappiamo diventare dei consulenti di fiducia e questo avviene perché abbiamo un’ampia conoscenza del cliente finale e delle sue esigenze.

Bertolatti re-Real Estate srl
Galleria Campello n. 4
Sondrio
tel. + 39 0342 21.15.62
info@bertolatti.it

Aforisma del giorno

Ci sono due giorni all’anno in cui non puoi fare niente. Uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani, perciò oggi è il omento giusto per Amare, Credere, Fare e principalmente Vivere.

- Dalai Lama

Invia ad un amico

Email Agent