click to enable zoom
Searching...
We didn't find any results
open map
View Roadmap Satellite Hybrid Terrain My Location Fullscreen Prev Next
Advanced Search
Advanced Search

€ 0 to € 25.000.000

More Search Options
we found 0 results
Your search results

 

Nel vendere o affittare una casa, ci si scontra spesso e volentieri in piccole o grandi difficoltà e problematiche legate a normative, articoli di legge, modalità burocratiche, ecc, che spesso ci fanno sorgere dubbi, incertezze e preoccupazioni.

Non puoi neanche immaginare cosa succede quando si sbaglia la redazione di un contratto.

Pertanto poniti questa domanda.

Ho tutte  le risposte e le certezze che mi servono?

Evita  errori che possano compromettere il tuo investimento e la tua scelta di vita.

Scrivi qui sotto la tua domanda e riceverai presto un  nostro parere o consiglio gratuito .

 

Contratti di Locazione

Secondo il codice civile (art. 1573 c.c.) stabilisce il termine massimo per il contratto di locazione non può avere durata superiore a 30 anni, senza dare parametri per un termine minimo.

Tuttavia la legge L. 392/78  e successiva  L. 431/98, detta dei parametri diversi a seconda che l’immobile da locare sia adibito ad uso abitativo oppure ad uso diverso da quello di abitazione come, attività commerciali, artigianali, industriali, o  turistiche.

Relativamente agli immobili urbani adibiti ad uso abitativo, con la L. 431/98, modificativa del cosiddetto regime dell’equo canone, si sono introdotte due soluzioni alternative:

  1. Un contratto sulla base di appositi contratti-tipo definiti dalle organizzazioni di proprietari e conduttori, dalla durata non inferiore ai tre anni, prorogabile di altri duein mancanza di accordo o delle specifiche condizioni richieste dalla legge
  2. Un contratto a canone libero, ma di durata non inferiore a quattro anni, rinnovabile automaticamente di altri quattrose non sussistono condizioni particolari per la disdetta;

Ogni pattuizione volta a derogare i termini di durata del contratto è nulla.

Da questo regime restano esclusi gli immobili vincolati ai sensi della Legge n. 1089/39 e quelli appartenenti alle categorie catastali A/1, A/8, A/9 (quelli cioè di interesse storico o artistico, di edilizia residenziale pubblica o locati per finalità turistiche), per i quali continuano a valere le regole del codice civile.

La disciplina riguardante gli immobili urbani adibiti ad uso diverso da quello abitativo, segue una disciplina diversa.

Infatti il canone di locazione è libero mentre la durata è fissata in minimo 6+6 anni o 9+9 per le attività alberghiere. Alla prima scadenza (del sesto o nono anno), il rinnovo può essere negato dal locatore solo nei casi espressamente previsti dalla legge, e cioè qualora egli dichiari di voler:

  1. adibire l’immobile ad abitazione propria, del coniuge o dei parenti entro il secondo grado in linea retta;
  2. adibire l’immobile all’esercizio, in proprio o da parte del coniuge o dei parenti entro il secondo grado in linea retta, di un’attività industriale, commerciale, artigianale o di interesse turistico;
  3. demolire l’immobile per ricostruirlo, oppure ristrutturarlo integralmente;
  4. ristrutturare l’immobile al fine di rendere la superficie dei locali adibiti alla vendita conforme alle previsioni di legge.
  • Commenti recenti

    • Ricerca Avanzata

      € 0 to € 25.000.000

      More Search Options
    • Mortgage Calculator

    Compare Listings